27 novembre 2012

Grande giornata di democrazia, risultati di Bersani presupposto a vittoria finale

Una grande giornata di partecipazione e democrazia che premia inequivocabilmente la scelta del segretario del Pd Pierluigi Bersani di appellarsi al popolo del centrosinistra. Il consenso riscosso da Bersani nella ‘sua’ Piacenza è assolutamente degno di rilievo, con una percentuale che oltrepassa il 50 per cento, oltre la media nazionale e regionale, e soprattutto distribuito in maniera pressochè omogenea in città e in provincia.  E’ la dimostrazione del buon lavoro svolto dal comitato locale, che ha condotto una campagna puntuale sul territorio puntando ad affrontare i problemi reali dei cittadini. Da sottolineare in questo senso anche i buoni risultati ottenuti in parecchi dei comuni dove gli amministratori non erano schierati con il segretario del Pd. Quella che ci aspetta è una settimana intensa e l’auspicio è che il confronto tra i due contendenti, Bersani e Renzi, sia tutto concentrato sui problemi reali del paese e sul progetto di governo del centrosinistra. Sono convinta che i voti raccolti da Bersani al primo turno siano il presupposto per la vittoria finale, anche perché la strada indicata di un cambiamento rassicurante, inteso come pratica quotidiana senza strappi violenti, è quella migliore per la salvezza e rilancio dell’Italia. Infine un ringraziamento non rituale a tutti gli oltre cinquecento volontari che a Piacenza e provincia hanno consentito che si celebrasse una bella giornata di democrazia: sono loro la dimostrazione migliore che la disaffezione alla politica si può contrastare e vincere, quando in gioco ci sono i valori e la voglia di riscossa civile.