8 marzo 2013

Riparte il futuro

riparte il futuro

La corruzione è uno dei motivi principali per cui il futuro dell’Italia è bloccato nell’incertezza: si tratta di un male profondo, fra le cause della disoccupazione, della crisi economica, dei disservizi del settore pubblico, degli sprechi e delle ineguaglianze sociali.

Durante la campagna elettorale per le elezioni politiche 2013 ho aderito all’iniziativa “Riparte il Futuro” e mi sono impegnato per una candidatura trasparente e la lotta alla corruzione.

Ho ricevuto un braccialetto bianco con impressa la scritta “cento giorni”, che segna il tempo utile alla modifica della norma sullo scambio elettorale politico-mafioso.

Aderendo alla campagna mi sono impegnato a:

  1. Inserire la riforma della norma sullo scambio elettorale politico-mafioso (416 ter) tra i punti urgenti della propria campagna elettorale.
  2. Rendere pubblico il proprio Curriculum Vitae professionale.
  3. Rendere pubblica la mia situazione reddituale e patrimoniale
  4. Rendere pubblica la mia storia giudiziaria
  5. Dichiarare i potenziali conflitti d’interesse

Questa la mia pagina sul sito dell’iniziativa. Qui invece la petizione con cui chiediamo di rafforzare la legge anticorruzione (modifica della norma sullo scambio elettorale politico-mafioso 416 ter) entro i primi cento giorni di attività parlamentare.