28 novembre 2013

Marco Meloni ad Agorà nella puntata dal titolo “Il Cavaliere inesistente?”

Marco Meloni ad Agorà

Stamane ad Agorà, discussione sulla decadenza di Berlusconi e sulla sua parabola politica e individuale. Ho detto che il Pd ha sempre agito con equilibrio e fermezza: si è applicata la “legge Severino”, approvata dal Parlamento lo scorso anno anche coi voti del Pdl, che prevede la decadenza dalla carica di parlamentare come conseguenza per la condanna in via definitiva. Non si poteva, né doveva fare diversamente: se l’applicabilità di una legge fosse legata al consenso politico della persona interessata, non esisterebbero stato di diritto e principio di eguaglianza dei cittadini di fronte alla legge. Guardiamo avanti: ora il governo può essere più forte o più debole. Non abbiamo più alibi per portare avanti l’azione di governo e anche le primarie del nostro partito, che mi auguro porteranno alla nascita di un PD rinnovato, forte e unito, devono avere questo tema principale: le azioni di governo da realizzare per riportare crescita ed equità nel nostro Paese. Il populismo e l’antieuropeismo non si sconfiggono, infatti, con le parole o le petizioni di principio, ma governando bene e con coraggio.