29 ottobre 2015

Da De Luca parole miserabili contro la Bindi. Non è degno di stare nel PD

Bindi

 

“Le parole con le quali il presidente della Regione Campania, De Luca, ha risposto alla richiesta di specificare cosa rimproveri a Rosy Bindi, sono volgari, vergognose, miserabili. Come un uomo delle istituzioni può affermare «Le rimprovero la sua stessa esistenza»? Come un alto dirigente democratico può rispolverare il peggior repertorio berlusconiano definendola una donna «impresentabile, da tutti i punti di vista»?

Oltre a esprimere tutta la mia solidarietà alla presidente della Commissione Antimafia, fondatrice e già presidente del Partito Democratico, mi auguro che il segretario Matteo Renzi e gli organismi di garanzia del PD chiariscano che una persona (un “personaggetto”, verrebbe da dire, se non fosse che non c’è niente di cui scherzare) che usa questo linguaggio e questi argomenti – nei confronti di chiunque lo faccia, chiaramente – non è degno di far parte della comunità dei democratici.”